Casa delle donne per non subire violenza

mercoledì 23 novembre 2016

CONVEGNO "DONNE INTERSEZIONALI. RAZZISMO, SESSISMO E MIGRAZIONI AL FEMMINILE"

giovedì 24 novembre ore 17.30
Centro di documentazione, ricerca e iniziativa delle donne
via del Piombo 5/7 - Bologna




Qual è il rapporto tra razzismo e sessismo? Gli uomini che usano violenza contro le donne sono uguali in tutto il mondo? Cosa significa per una donna migrare in Europa oggi? Violenza di genere e tratta sono troppo spesso le componenti dei viaggi migratori delle donne straniere che giungono nel nostro Paese. Le violenze subite durante il viaggio e lo stato di rischio continuo a cui la donna migrante è esposta intaccano il senso di controllo e di integrità del sé. La condizione di clandestinità, nella quale in alcuni casi una donna migrante si trova, e il conseguente status di non cittadina generano la percezione di non avere diritti e la relegano a una condizione di forte marginalità sociale e immobilità esistenziale. Ad aggravare la situazione vi è la narrazione stereotipata della donna migrante che spesso viene assimilata alla prostituta o alla schiava velata. 
Parteciperanno al dibattito esperte sulla questione di genere, sessismo e razzismo condividendo gli esiti dei loro studi e lavori.

Intervengono

Elsa Antonioni, Casa delle donne
Quale accoglienza offrono i centri antiviolenza alle donne vittime di violenza provenienti da altre culture.

Marina Calloni, Professora di filosofia politica e sociale e coordinatrice di EDV Italy Project - Contro la Violenza
Domestica, Università di MilanoBicocca
Prede in tempi di pace e in luoghi
di guerra: donne e minoranze
culturali.

Stefania Vulterini, Femminista antirazzista curatrice
della collana sessismo&razzismo, Ediesse, collaboratrice del Centro riforma dello Stato
24 libri: l’esperienza culturale, politica, umana della collana
sessismo e razzismo (2010-2016).

Maria Chiara Risoldi, Psicoanalista Spi
Lo stupro come arma di guerra.


Bookstore
Libreria delle donne

A cura di Casa delle donne, Centro di documentazione delle donne

Nessun commento:

Posta un commento